Domenica in campo Palestrina-Pozzuoli

Abbraccio tra Barsanti e Cecconi

Di nuovo aria di big-match al PalaIaia. Si respira a pieni polmoni in vista della sfida tra due delle tre co-capolista del girone D, sarà Palestrina contro Pozzuoli. Rivelazione ma non troppo di questo inizio campionato, la formazione puteolana è reduce da una retrocessione sul campo immediatamente cancellata dal ripescaggio (già certo tra l’altro prima degli spareggi). Ed ora ha tutte le intenzioni di riscattarsi con una stagione tranquilla e possibilmente ricca di soddisfazioni, compiendo il classico salto di qualità ed elevando il livello del roster. Due nomi su tutti il play di scuola Orobica Bergamo Savoldelli (14.4 pt di media) e l’ala Picarelli cresciuta invece all’Olimpia Milano. Un 1997 e un 1996 che hanno vinto tanto in ambito giovanile e dopo le esperienze in Serie A2 hanno accettato la chiamata della Bava per essere protagonisti. Nello spot di guardia un nuovo arrivo di analogo spessore, il 1995 Marchini del vivaio Don Bosco e lo scorso anno a Sant’Elpidio a 14.5 pt di media. Nelle caselle under sono stati inseriti Bordi ex Fabriano, Lurini ex San Vendemiano e il bomber Nacca, miglior marcatore della C Gold campana. Sotto canestro esperienza e meccanismi oliati con la coppia Tredici-Tomasello, entrambi “prelevati” da Bisceglie, tanta fisicità e sostanza. Attualmente la miglior stagione in termini di produzione per Tredici, secondo miglior marcatore con 13.6 di media. Finora un ruolino di marcia analogo per le due contendenti, Pozzuoli ha ben figurato riuscendo sempre a risolvere i finali in suo favore, con giocate decisive a fil di sirena dei vari Savoldelli e Picarelli. Unica sconfitta con Formia in casa, ma un netto 88-69 al Corato che aveva piegato Palestrina.
L’ultimo precedente risale allo scorso anno e la Citysightseeing prevalse al PalaIaia col punteggio di 93-78, ma fu solo apparentemente facile dopo che Pozzuoli recuperò impattando uno svantaggio di 19 punti. Domenica sarà un’altra storia, con un equilibrio più accentuato e in palio la vittoria che lancerebbe una delle due in vetta alla classifica. Girone che sta confermando le aspettative di una solida Salerno, seppur battuta nel recupero a Sant’Antimo, e un plotone di inseguitori combattivo e sullo stesso livello, ma siamo solo agli inizi e i valori verranno fuori alla distanza. Ristabilito Mastroianni, manca all’appello il lungodegente Mennella (distorsione alla caviglia).
Designati ad arbitrare domenica con palla a due ore 18:00 i sigg. Simone Settepanella di Roseto degli Abruzzi e Lorenzo De Ascentiis di Giulianova.